La natura è causa e cura delle malattie... perché distruggerla? Davvero il nucleare è così indispensabile?

PDF Stampa E-mail

Eolico

Energia eolica, Cos'è ?

L'energia eolica è il prodotto della conversione dell'energia cinetica del vento in elettrica. Prima tra tutte le energie rinnovabili per il rapporto costo/produzione è stata anche la prima fonte energetica rinnovabile usata dall'uomo, il suo sfruttamento è semplice ed economico.

I "mulini a vento" nella storia

A quante persone, visitando una fattoria eolica, non è venuto in mente il "Don Chisciotte della Mancia", celebre romanzo di Miguel Cervantes, che nel 1605 raccontava delle prodezze del "cavalier dalla triste figura". Impavido, sognatore, visionario che scambiava i mulini a vento per giganti dalle braccia rotanti da attaccare e sconfiggere.
I primi mulini a vento europei pompavano acqua o muovevano le macine per triturare i cereali.
I mulini olandesi erano i più grandi del tempo, divennero e rimasero il simbolo della nazione. 
Nel corso del XIX secolo entrarono in funzione migliaia di mulini a vento sia in Europa, sia in America, soprattutto per scopi di irrigazione. In seguito, con l'invenzione delle macchine a vapore, vennero abbandonati per il costo del carbone, allora a buon mercato. 
Negli anni settanta l'aumento dei costi energetici ha ridestato l'interesse per le macchine che utilizzano la forza del vento. Così molte nazioni hanno aumentato i fondi per la ricerca e lo sviluppo dell'energia eolica.

Generatori Eolici

Gli studi fatti sui generatori eolici, negli ultimi 20 anni, hanno dato come risultato  un prodotto molto più efficace e dai rendimenti notevolmente migliorati, ad oggi la ricerca e la progettazione, stanno trovando migliorie continue, pertanto gli attuali calcoli, sono da ritenersi ancora provvisori.
Attualmente con una velocità del vento pari a 3-4 m/s i generatori danno una produzione media di 1.5 Mw con punte di 3 Mw per i più efficienti.
Considerando che un'utenza domestica al massimo dei consumi, utilizza 3 Kw, una pala ben posizionata è in grado di soddisfare il fabbisogno di circa 1000 utenze o 4000 abitanti.
Ci sono vari tipi di generatori, ad asse verticale o orizzontale, a pale mobili, a doppia elica, non mancano generatori silenziosi.
I giri al minuto dell'aerogeneratore sono molto variabili come lo è la velocità del vento; ma la frequenza di rete deve essere costante a 50 hertz, perciò i rotori vengono collegati a una serie di inverter prima di immettere l'energia in rete.
Una notevole potenza elettrica viene dissipata nel rotore che deve avere una velocità di 3000 giri/minuto per erogare una corrente alla frequenza di rete di 50 hertz.
Il rendimento elettrico di tale dispositivo è intorno al 70%. La cinematica del generatore eolico è caratterizzata da bassi attriti, assenza di surriscaldamento ambientale e un costo di manutenzione pressoché nullo.

Dove è possibile installare?

L'energia eolica, è facilmente sfruttabile sia con  una produzione centralizzata in impianti da porre in luoghi alti e ventilati, sia con impianti di piccola taglia, composti da un numero esiguo di pale (1-3 pale da 3-4 megawatt) con le quali il comune genera in loco l'energia consumata dai suoi abitanti, sia in micro impianti, costituiti da minigeneratori eolici, dove la singola utenza, ricava energia in loco.
Vincoli ambientali, e la mancanza di una legge quadro specifica sull'eolico, limitano la diffusione dei generatori in questione, pur essendo a parità di resa i meno costosi da installare.

Costi di produzione da impianti eolici

L'eolico è l'energia meno costosa attualmente disponibile. Un reattore nucleare da 1600 megawatt costa 2,5 mld di euro (dunque, 1.56 euro al watt). All'opposto una pala eolica da 3 megawatt costa 3 mln di euro: l'eolico costa in generale circa 1 euro/Watt, circa il 35% in meno.
Però una pala eolica genera la massima energia solo per circa 1700 ore all'anno in Italia mentre un impianto a combustibili fossili o nucleare genera energia quasi 24 ore su 24 ore 365 giorni all'anno (circa 8760 ore). Quindi supposta la stessa la durata dell'impianto (20 anni) il costo energetico è di 0,8 centesimi di euro per kWh per la centrale nucleare e di 2,9 centesimi di euro per kWh per la pala eolica.
Inoltre l'energia eolica è intermittente ed è pagata meno delle altre forme di energia per questa sua negativa caratteristica. Altra caratteristica negativa è che la rete elettrica può sopportare solo una limitata quantità di energia elettrica intermittente che potrebbe arrivare al 20% con limitate spese.
Secondo l'ENEA la stima delle potenzialità eoliche italiane sono di 10 GW su terraferma e di altri 10 GW off-shore ovvero in mare. È da ripetere che i 20 GW eolici danno molta meno energia annuale dell'energia data dalla corrispettiva potenza di una centrale convenzionale. Inoltre l'energia eolica ha meno valore commerciale per via della sua intermittenza.
Teoricamente le capacità totali eoliche italiane coprono il 10% del fabbisogno elettrico del 2006. (fabbisogno 2006: 351,6 TWh, potenza eolica: 20 GW, ore di vento/anno: 1700 ore)
Oltre ad avere il costo d'istallazione più basso, ha anche il costo di esercizio (o costo di produzione) più basso: 3-4 centesimi di euro al kWh contro i 4 del carbone, e i 6 o più del petrolio il cui prezzo al barile varia con continuità e rende difficile il calcolo. Tale costo d'esercizio è tipicamente basso -circa cioè 30.000 volte inferiore al costo d'acquisto- poiché la fonte energetica-vento è gratuita.
Anche il nucleare non costa meno, considerando i costi di stoccaggio delle scorie e quelli di smantellamento del reattore. Il Dipartimento per l'energia per il mercato statunitense calcola un costo complessivo di produzione da nucleare superiore ai 6 centesimi di usd (circa 5 eurocent) al kWh. 
(Fonte Wikipedia)

Problematiche ambientali, legati all'eolico

Discutere di problematiche ambientali parlando di energia eolica, a volte è paradossale, por tuttavia non è assolutamente accettabile ignorare chi, con le fattorie eoliche, assume posizioni decisamente contrarie.
I parchi eolici, hanno un impatto visivo notevole, a me personalmente piacciono, andare a visitarli è comunque un'esperienza entusiasmante, sapere che questi giganti si muovono e producono energia semplicemente perché mossi dal vento, mi dona una sensazione di timore e allo stesso tempo di soddisfazione.
E' l'energia pulita, insieme alla forza dell'acqua,l'energia naturale per 
eccellenza, é la fonte più facilmente sfruttabile, quella che ad oggi sta ispirando il maggior numero di scienziati, ricercatori e progettisti.

Onestamente la mia opinione in merito all'impatto ambientale, è decisamente tollerante, non vedo grandi differenze tra le fattorie eoliche, e le stazioni sciistiche, vero è che ambedue sono oggetto di contestazione, ma tra un installazione che inquina "la vista" producendo energiagratuitamente, ed una invece che l'energia la consuma, converrete con me che accettare un compromesso per la vita, è decisamente più facile.

 

Energianaturale

Approfondimenti

Il sesto elemento

Cerca


energianaturale.srl - via leopardi,15 - 22036 erba (co) italy - tel.+39031641140 - fax +390313335007 - p.iva 02982930139
Powered by Amir